Come aumentare le visite al tuo sito/blog WordPress: 10 metodi gratis e a pagamento

Home 9 Web Marketing 9 Come aumentare le visite al tuo sito/blog WordPress: 10 metodi gratis e a pagamento
7 Marzo 2023
come aumentare le visite al blog

Avere un sito oggi per una freelance è una cosa normalissima ma ottenere risultati in termini di visite e contatti è tutta un’altra storia. Ogni giorno vedo professioniste come te disperdere tempo ed energie per scrivere articoli sull’onda dell’ispirazione che ahimè non legge quasi nessuno, se non quelle poche persone che atterrano sul tuo portale tramite passaparola o social media. 

Forse ti starai chiedendo chi sono io per parlarti di queste cose

Per questo voglio raccontarti un po’ la mia storia e dirti come è iniziata la mia avventura nel mondo digitale. 

Sommario

La mia storia

Il 16 aprile del 2016 sono partita per un viaggio in solitaria a Tenerife. Volevo voltare pagina, invece il destino il 22 giugno mi ha riportata a casa, a Soverato, in Calabria

Il mese successivo ho acquistato dominio e hosting, ho seguito un corso di formazione su WordPress per realizzare il mio sito in autonomia e a fine settembre sono andata online con “Penna in Viaggio”. 

I primi articoli sono stati semplicemente un diario di viaggio delle mie esplorazioni sull’isola canaria, un flusso di coscienza. Poi mi sono dedicata al racconto della mia terra: il mio obiettivo era ed è ancora oggi quello di farla conoscere al resto del mondo. L’ho fatto grazie alla SEO. Dopo aver seguito un corso di formazione ho messo tutto in pratica e i risultati li ho visti dopo un po’ di tempo.

Grazie alla scrittura di articoli in ottica SEO nel giro di 3 anni sono passata da 0 a 130 mila visite circa, ho ricevuto decine di messaggi di viaggiatori e turisti che mi chiedevano consigli per i loro itinerari, guadagnato circa 3.000 euro dalla vendita della mia guida turistica e collaborato con riviste nazionali e locali di viaggi tra cui That’s Italia.

Che dirti, ero strafelice e grata del fatto che attraverso il blog potessi dare il mio contributo e abbattere gli stereotipi che attanagliano questa terra da decenni. 

traffico luigina la rizza 2019

Con la gestione del sito web e dei canali social ho imparato tantissime cose e questo mi ha permesso poi di aprire partita iva e trasformare quello che era partito come un gioco in un lavoro.

Perché ti ho raccontato tutto questo? Perché so bene quante credenze negative ci siano sulla SEO: forse pensi anche tu che sia difficile, ostica, tecnica, solo perché l’hai sentito dire da altre persone e così ti sei bloccata immergendoti in un mondo che corre alla velocità della luce e che ti vuole eternamente connessa ed esposta su Instagram.

Io ho scelto di andare controcorrente e di seguire la mia natura da professionista introversa. Se vuoi farlo anche tu devi essere pronta a metterti in discussione e agire leggendo con attenzione questo articolo di oltre 2.000 parole su come aumentare nella pratica le visualizzazioni del tuo sito web.  

Tutto ciò che condivido qui con te è il risultato di più di 5 anni di esperienza nel mondo della comunicazione e del web marketing. 

Sei pronta?

Perchè è importante avere un blog che riceve traffico

Il blog è il tuo porto sicuro dove far approdare i tuoi potenziali clienti, farti conoscere e portarli piano piano verso l’acquisto dei tuoi servizi. È una base per centinaia di persone che ogni giorno come te, in modo più o meno consapevole, fanno ricerche online per risolvere i loro problemi.

Perchè è così importante? Perchè ti permette di:

– essere autorevole;

– mostrare le tue competenze in un determinato ambito professionale;

– rafforzare il tuo personal branding;

– distinguerti dalle competitor;

proteggere i contenuti: qualsiasi cosa accada sui social tu hai uno spazio sicuro dove non esistono algoritmi e profili bannati senza un giustificato motivo.

Come aumentare le visite al tuo sito WordPress gratis

1. Scrivi articoli ottimizzati per i motori di ricerca

Questo è chiaramente il primo consiglio che ti do. Ti servono tempo, pazienza, costanza, un’ottima conoscenza del target e dei suoi problemi. Chiedi, fai sondaggi, invia questionari, appuntati tutte le domande che ti fanno i clienti o potenziali clienti tramite email o i canali social.

Parti da qui e poi fai brainstorming su un foglio bianco: quali sono gli argomenti più importanti di cui potresti parlare? Quelli potrebbero essere le categorie del tuo blog. Ne ho parlato meglio in questo articolo:

Tassonomie WordPress: come scegliere categorie e tag del blog

Il passo successivo è quello di fare una ricerca delle parole chiave per identificare i termini che le persone cercano e rispondere con i tuoi contenuti a quelle domande. In questo caso ti concentri solo sulle keyword informazionali, cioè quelle che hanno come scopo la ricerca di informazioni.

Poi una volta definito un piano e calendario editoriale devi metterti all’opera. Mantieni una frequenza di pubblicazione sostenibile: è meglio scrivere 1/2 articoli al mese piuttosto che voler strafare e poi abbandonare tutto. 

All’inizio non sarà una passeggiata ma come in tutte le cose è la pratica a fare la differenza. Se non te la senti puoi seguire un corso SEO individuale con me e poi metterti in gioco.

Come hai letto all’inizio dell’articolo io sono partita da zero, mi sono costruita un portale in autonomia senza un minimo di competenze e ho avuto dei risultati straordinari, gli stessi che puoi ottenere anche tu. 

Quali sono i benefici del SEO copywriting? Scrivere degli articoli ottimizzati per i motori di ricerca ti permette di intercettare le ricerche che il tuo pubblico fa su Google: stiamo parlando di persone consapevoli e attive che vogliono risolvere un problema o un bisogno.

Canali come Facebook e Instagram invece sono presidiati da persone che vogliono distrarsi e passare il tempo, quindi comprendi molto bene quale sia la differenza.

Per imparare a scrivere un articolo in ottica SEO puoi dare un’occhiata al mio video su YouTube oppure acquistare la mia guida in pdf al SEO copywriting, un ebook di 56 pagine super pratico in cui ho condiviso con te tutto ciò che ho imparato direttamente sul campo in più di 5 anni di esperienza. Ho cominciato sul mio primo blog dedicato alla Calabria che ha superato le 120 mila visite nel giro di tre anni, e ora continuo su questo sito che in soli 9 mesi si è posizionato sulla prima pagina di Google per circa 30 parole chiave.

2. Pubblica dei video su YouTube

Come sai YouTube è un motore di ricerca focalizzato sui video e usato da milioni di persone ogni giorno. Ti permette di costruire il tuo personal branding e incrementare il traffico sul sito se inserisci in descrizione i link ai tuoi articoli del blog.

Una volta che il canale raggiungerà un discreto numero di iscritti vedrai la differenza.

Anche per YouTube vale lo stesso discorso degli articoli del blog: devi fare a monte una ricerca delle parole chiave e poi ottimizzare tutti gli elementi per far sì che il video si posizioni in alto sui risultati di ricerca.

Iscriviti al mio canale YouTube: troverai una serie di video per migliorare il posizionamento del tuo sito su Google.

3. Scrivi guest post per portali della tua nicchia di mercato

Un’altra soluzione per incrementare i click sul tuo sito/blog è quella di scrivere un guest post, un articolo ospitato su un altro portale che tratta temi affini al tuo. 

Questa attività è una forma di link building, una tecnica SEO off-page che ha l’obiettivo di aumentare i link di ingresso ad un sito web.

Cerca dei siti web con contenuti di valore legati all’argomento di cui ti occupi, meglio ancora se hanno un certo posizionamento e poi scrivi un ottimo articolo chiedendo in cambio un link che rimanda al tuo sito web. In questo modo avrai sia visibilità ma anche un aumento dell’autorevolezza del sito web agli occhi di Google.

Ad ogni modo ti consiglio di dare priorità e sviluppare prima contenuti sul tuo blog anziché su quello degli altri.

4. Condividi gli articoli del blog sui social

Se sei molto costante a livello di scrittura condividere i tuoi contenuti su social come Facebook o LinkedIn è un’ottima idea soprattutto se hai un pubblico molto attivo e una fan base ampia.

Se vuoi usare Instagram io sinceramente non lo reputo uno strumento molto utile per portare le persone sul sito web ma non voglio metterti limiti, dovresti testare e poi analizzare i dati perchè ogni business è diverso.

5. Invia una newsletter specifica agli iscritti 

Come sai avere una mailing list a cui mandare delle newsletter ti permette di entrare più in confidenza con la tua audience e costruire un rapporto più confidenziale. 

Per aumentare la visibilità del blog potresti pensare di inviare una volta a settimana una campagna con gli ultimi articoli pubblicati oppure impostare ancora meglio una campagna RSS, ossia una newsletter automatizzata contenente i post recenti del blog e inviata su base giornaliera, settimanale o mensile, a seconda delle tue preferenze.

Come software puoi usare il classico Mailchimp oppure ancora meglio MailerLite.

6. Utilizza il codice promozionale di 400 euro di Google Ads

codice promozionale google ads

Google Ads è la piattaforma pubblicitaria di Google che ti permette di creare degli annunci sponsorizzati visibili ai primi posti della serp quando gli utenti digitano sulla barra di ricerca determinate parole chiave inserite in fase di creazione di una campagna.

Il motore di ricerca ha aggiornato questa promozione nell’estate del 2022 passando da 75 euro a 400 euro di credito pubblicitario quando spendi questa somma. No, non è una bufala ma la realtà. Io stessa ne ho usufruito lo scorso anno quando sono andata online con il nuovo sito web dopo il rebranding.

Puoi usare questo credito per lanciare campagne sulla rete di ricerca e quindi intercettare persone che digitano le parole chiave collegate al tuo business. L’unico requisito è aver fatto una buona keyword research altrimenti Google Ads non ti sarà molto utile. Per approfondire puoi leggere questo articolo:

Come scegliere le keyword giuste per la SEO

Qui sotto trovi tutte le informazioni per il codice promozionale di Google Ads.

https://ads.google.com/intl/it_it/home/

Se hai bisogno di un supporto scrivimi.

7. Aggiorna i post online

Questa è una delle tecniche a cui sicuramente non hai pensato quando ti sei prefissata l’obiettivo di incrementare le visite del blog. Perché è così importante revisionare periodicamente i tuoi contenuti e monitorarli? Perché ogni giorno il web si popola di milioni di pagine ed è possibile che i tuoi vecchi articoli vengano bypassati da contenuti migliori appena pubblicati.

Cosa ti serve? Un file excel dove inserire tutti gli url degli articoli, un tool professionale per la ricerca delle parole chiave e Google Search Console.

Controlla grazie ad esempio a Seozoom se i tuoi articoli si sono posizionati oppure vai su Google Search Console e segui questi passaggi:

  • sezione “Rendimento”;
  • metti il flag su CTR media e Posizione media;
  • seleziona la tab Query;
  • vai a destra e clicca su “Posizione” ordinando l’elenco in modo decrescente. Qui vedrai i termini che le persone digitano su Google per cui non ti trovi in cima alla serp. 

Come aumentare le visualizzazioni del sito a pagamento

8. Crea una campagna pubblicitaria con obiettivo traffico sui social

Se vuoi avere più visite su un determinato articolo/pagina puoi creare una sponsorizzata su Facebook e Instagram con l’obiettivo di portare più traffico e indirizzarla a:

– un pubblico salvato (core audience) rappresentato da tutte quelle persone che selezioni in base ad età, location geografica, interessi e comportamenti.

– Un pubblico personalizzato (custom audience) composto da persone che già ti conoscono come i visitatori del sito web o coloro che hanno interagito con i social oppure gli iscritti alla newsletter. Il presupposto in questo caso è quello di installare il pixel di Facebook

– Un pubblico simile (lookalike audience) costituito da persone che hanno caratteristiche simili a quelle importanti per te. Inserisci l’origine dei dati, il paese e la dimensione dell’audience che va dall’1% al 10%. Minore è la percentuale maggiore sarà il grado di similarità con il pubblico inserito come origine.

Requisiti

Budget: basso (minimo 1 euro al giorno) 

Numero di articoli: pochi

9. Avvia una campagna DSA su Google Ads

Tra le diverse tipologie di campagne su Google Ads ci sono le DSA, acronimo inglese di Dynamic Search Ads, ossia Annunci Dinamici della Rete di Ricerca. In questo caso non è necessario impostare manualmente annunci e keywords perché il motore di ricerca grazie alla sua intelligenza artificiale abbina le query digitate dagli utenti al contenuto più idoneo del tuo sito web. 

È chiaro che se scrivi articoli senza aver fatto a monte una ricerca delle parole chiave e scritto dei contenuti che rispondono ai bisogni del tuo pubblico questa soluzione non ti è utile. Idem se hai problemi a livello di indicizzazione o non hai ottimizzato tutti gli elementi della SEO on page, tra cui tag title e meta description.

Di indicizzazione e posizionamento ne ho parlato in questi articoli:

Requisiti

Budget: medio/basso

Numero di articoli: medio/elevato

10. Ottimizza il tuo sito web in ottica SEO

L’ultimo metodo per incrementare le visite al blog è quello di ottimizzare il tuo sito web per i motori di ricerca. In questo caso il focus è sulle parole chiave commerciali.

Ad esempio se sei una naturopata che vive a Firenze posizionerai il tuo portale per questa keyword e per tutte le altre relative alla tua attività. Di conseguenza acquisirà visibilità anche il tuo blog.

Per migliorare il posizionamento organico puoi fare tutto in autonomia con un corso SEO individuale oppure delegare questo compito ad una professionista.

Cosa significa nella pratica? Significa analizzare il tuo business, avere ben chiari in mente il target, i suoi problemi e i servizi con cui vuoi risolverli. Poi puoi passare al brainstorming e alla ricerca e studio delle parole chiave andando a coprire l’intero customer journey e ottimizzando alla fine testi e SEO on page.

Lo screenshot qui sotto mostra la crescita esponenziale del sito web di Caterina Fini, architetto e interior designer di Bologna che ha lavorato con me all’ottimizzazione del suo sito web con il percorso di consulenza SEO.

panoramica seozoom

Se vuoi anche tu un sito che faccia il suo vero lavoro e sganciarti un po’ dai social media posizionandoti sulla prima pagina di Google, ti aspetto!

Ciao!

Ciao!

Mi chiamo Luigina, mi divido a metà tra la passione per la SEO e l’amore per la mia Calabria. Aiuto freelance, libere professioniste e imprenditrici ad essere più visibili su Google e a farsi trovare online dai clienti ideali, riconquistando un po’ di libertà dai social media. Nella pratica creo e riprogetto siti web posizionandoli sulla prima pagina dei motori di ricerca e mi occupo di formazione. Conosciamoci meglio.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri articoli che potresti leggere

Nessun risultato

La pagina richiesta non è stata trovata. Affina la tua ricerca, o utilizza la barra di navigazione qui sopra per trovare il post.