Come creare un blog professionale: le cose che devi sapere

Home 9 SEO 9 Come creare un blog professionale: le cose che devi sapere
7 Maggio 2024
come creare un blog professionale

In queste settimane ho lavorato per costruire un nuovo servizio per il piano editoriale SEO e dalle risposte che mi sono arrivate tramite i form mi sono resa conto che ci sono diversi problemi che ti possono bloccare dall’avviare un blog professionale.

Io l’ho fatto per la prima volta nel 2016 e da allora non mi sono più fermata perché amo far conoscere la mia amata Calabria e condividere ciò che so per aiutarti a trovare potenziali clienti senza disperdere energie ed esporti h24 su Instagram.

Sommario

Perchè avviare un blog professionale

Scrivere degli articoli sul blog professionale ti permette di intercettare online le domande che si fanno i tuoi potenziali clienti, dare loro le risposte che cercano e far conoscere indirettamente i tuoi servizi.

Il blog è importante anche per aumentare sempre di più l’autorevolezza del tuo sito agli occhi di Google, quella che tecnicamente viene definita “Domain Authority”. Se non riceve traffico, che sia organico o proveniente dai social media, l’autorevolezza del portale sarà sempre bassa e minori saranno le possibilità di essere visibile in top10.

Ecco gli obiettivi che professioniste come te vorrebbero raggiungere con il blog:

  • Aumentare gli iscritti alla newsletter per ampliare la community e quindi incrementare il numero di corsi venduti.
  • Aumentare la visibilità/posizionamento del sito, raggiungere persone affini e con gli stessi interessi/valori.
  • Farsi conoscere, posizionarsi e vendere i servizi.
  • Avere più acquirenti per i videocorsi on demand e articoli sullo shop.
  • Riattivarlo con contenuti editati e riscritti in ottica SEO.

Sono tutti obiettivi raggiungibili? Sì, a patto di impegnarti sul serio, essere pronta a metterti in gioco, mantenere la costanza nel tempo e soprattutto avere la pazienza di attendere circa 6 mesi per vedere i primi risultati.

La mia storia con il blog (personale e professionale)

Io ho avviato “Penna in Viaggio”, il mio primo blog personale nel 2016, ma non avevo minimamente idea di cosa significasse gestire un progetto del genere. 

Quando ero adolescente scrivevo sulle pagine del mio diario segreto ma farlo online era diverso.

La mia seconda missione era, ed è ancora oggi, quella di far conoscere la mia Calabria a più persone possibili, e la SEO era lo strumento giusto per farlo perchè non volevo sprecare tempo ed energie per scrivere dei contenuti che poi nessuno avrebbe letto. Quindi mi sono formata e ho applicato tutto ciò che ho imparato sul mio progetto editoriale scrivendo una serie di articoli.

Dopo circa un anno sono arrivate decine di email da parte di viaggiatori e turisti che stavano pianificando il loro viaggio nella mia terra. Che dirti, ero felicissima di dare un contributo e lo sono ancora oggi, nonostante siano passati ben 8 anni. 

Penna in Viaggio a luglio 2023 si è evoluto in Calabria nell’Anima, un portale che a meno di un anno dal lancio è stato visitato da oltre 20 mila utenti e si è posizionato per 673 keyword, di cui 253 in top10 con una Zoom Authority di 38.

dati google analytics calabria nell'anima

Dei risultati straordinari che non avrei mai raggiunto se non avessi fatto:

  • un’analisi della mia attività;
  • uno studio approfondito dei competitor;
  • la ricerca delle parole chiave;
  • la scrittura di articoli di valore;
  • il lancio di una campagna di advertising su Google Ads e Meta.

Tutte attività che porto avanti nei percorsi di consulenza SEO con le mie clienti.

Per approfondire la strategia che ho seguito ti consiglio di leggere questo post:

Come ho posizionato oltre 450 parole in 6 mesi per Calabria nell’Anima

Accanto a questo mio progetto personale poi c’è questo blog professionale che curo dal 2022 per condividere con te ciò che ho imparato in circa 10 anni sulla SEO e promuovere la mia attività come consulente.

Tra i due ovviamente ci sono delle grandi differenze a livello di posizionamento su Google: il settore della SEO è molto più competitivo rispetto all’ambito Calabria in cui sono pochi i portali fatti bene e che condividono contenuti di valore.

Cosa fare prima di pensare al blog

Prima di buttarti a capofitto sulla realizzazione del tuo blog professionale ci sono una serie di cose a cui dovresti pensare:

Obiettivi

Quali sono i tuoi obiettivi a breve/medio/lungo termine con il sito web? Hai intenzione di monetizzarlo? Qual è la strategia che vuoi seguire?

Sito web progettato in ottica SEO

Hai già un portale progettato e ottimizzato in ottica SEO? Cosa significa nel concreto? Costruire una serie di pagine, da quelle informative alle sales page, che coprono l’intero percorso di acquisto del cliente ideale, dalla fase in cui cerca informazioni fino a quella più avanzata quando sa già qual è il suo problema e sta cercando una professionista che lo aiuti. Magari desidera migliorare la qualità del sonno con i fiori di Bach e sta cercando una naturopata proprio nella tua città oppure ancora un architetto che gli dia una mano con la ristrutturazione o il restyling della propria casa.

Quello che mi sento ripetere ogni volta che faccio una consulenza SEO gratuita è: “ho speso un bel po’ di soldi per realizzare il mio sito web ma non mi arrivano clienti“.

So benissimo quanto sia frustante spendere una cifra considerevole per sito, foto, testi e logo ma poi il tuo portale non viene visto da nessuno se non da quelle persone che ti conoscono tramite i social.

Moltissimi web designer non hanno competenze in ambito SEO o se ce l’hanno si limitano ad ottimizzare quei pochi elementi come tag title e meta description senza fare un’opportuna ricerca delle parole chiave per capire se sono cercate dal pubblico.

Come consulente SEO il mio obiettivo è darti la consapevolezza di cosa possono fare strumenti come la SEO e Google Ads e di come lavorano all’interno di una strategia di comunicazione e marketing.

Una volta che sei andata online con un portale ottimizzato per i motori di ricerca, se ti piace, puoi scrivere articoli in ottica SEO per rispondere alle domande che il tuo target fa ogni giorno per risolvere i suoi bisogni/problemi. Domande che sono mosse da un’intenzione e quindi consapevoli, a differenza dei social che invece lavorano sulla domanda latente.

Se scrivere non è la tua attività preferita puoi decidere di delegarla ad una professionista.

Risorse gratuite & Newsletter

Hai pensato alle risorse gratuite che vuoi offrire al tuo pubblico? Quale servizio devono promuovere? Ma soprattutto hai implementato la newsletter e qualche automazione che si attiva quando le persone si iscrivono?

Le difficoltà che ti bloccano e come superarle

Dopo averti raccontato del perché dovresti avviare un blog professionale e a cosa dovresti pensare prima di farlo, ti racconto quali sono gli ostacoli che sono emersi dai questionari e come superarli.

  1. Chiarezza. Spesso quando andiamo online con un sito web non abbiamo una grande consapevolezza di come funzionano le cose. Lo stesso accade per il blog professionale. Non sappiamo come definire un piano editoriale SEO, le categorie/tag né tantomeno abbiamo competenze di SEO copywriting. Ecco perché è importante scegliere di investire quantomeno in una consulenza SEO di 1 ora per capire come muoverti e fare i passi giusti evitando di commettere errori che possono danneggiare il tuo sito web.
  2. Avere nuove idee costantemente. Questo è un altro problema molto sentito da chi come te vorrebbe iniziare a scrivere degli articoli ma non sa di cosa parlare. Puoi provare a sottoporre ai tuoi clienti dei questionari su Google Form, proprio come ho fatto io tempo fa, per capire quali sono gli ostacoli che incontrano e le domande che digitano sulla barra di ricerca su Google. Puoi appuntarti tutto ciò che ti arriva in dm su Instagram o su altri canali social oppure ancora analizzare i siti dei tuoi competitor con Ubersuggest o Seozoom per capire quali sono le parole chiave con cui si sono posizionati. Ho parlato di questo processo di ricerca delle parole chiave in questo webinar gratuito.
  3. Individuare le parole chiave giuste. Questa è una delle fasi più importanti di un percorso di consulenza SEO perché se non scegli le keyword giuste non riuscirai neanche a posizionare i tuoi contenuti su Google. Una parola chiave ideale deve avere un minimo di volume di ricerca, un basso livello di difficoltà e deve essere abbastanza specifica, cioè composta da almeno 3 termini di ricerca. Puoi trovare questi parametri con alcuni tool gratuiti/fremium come Ubersuggest oppure a pagamento come Seozoom. Alla ricerca delle parole chiave e alla selezione ho dedicato ben 10 pagine della mia guida in pdf al SEO copywriting e anche un articolo del blog. Lo trovi qui: Come scegliere le keyword giuste per la SEO
  4. Mancanza di tempo. Il tempo è una delle risorse più importanti per la nostra attività di freelance e spesso, prese dall’ansia del fatturato, facciamo fatica a dedicare delle ore per le nostre attività di marketing. È successo anche a me in queste settimane immersa com’ero tra trasloco, progetti di consulenza SEO, revisione della mia guida turistica della Calabria e creazione di tour personalizzati. In questo caso possiamo inserire in calendario delle giornate di batching, anche solo una a settimana, in cui ci concentriamo solo sulla produzione dei contenuti per il blog, la newsletter e gli altri canali di comunicazione. Prima di farlo dovresti tracciare il tempo che impieghi a portare avanti una determinata attività con tool gratuiti come Toggl. Un altro consiglio che ti posso dare è di prevedere queste giornate subito dopo il ciclo mestruale perché in un modo o nell’altro influenza il nostro umore e la nostra creatività.  
  5. Poca praticità nell’usare WordPress. WordPress è una piattaforma molto intuitiva ma ovviamente se sei agli inizi è fondamentale capire come funziona per procedere con l’ottimizzazione della SEO on page. Puoi leggere tutti gli articoli che riguardano WordPress su questa pagina.
  6. Non conoscenza della SEO. La SEO per me non è tecnica ma una splendida materia che mi dà la possibilità di entrare in contatto con il mio pubblico senza essere connessa ogni giorno su Instagram e di essere pienamente allineata alla mia personalità da introversa. Se vuoi entrare in questo fantastico mondo puoi leggere il mio articolo su come iniziare a fare SEO oppure iscriverti al mio corso SEO gratuito. Se hai intenzione di fare sul serio c’è il mio corso SEO individuale di 6 o 12 ore.

Ti ritrovi anche tu nelle difficoltà di cui ho parlato qui sopra? Ho preparato per te una guida in pdf al SEO copywriting che affronta sia il lato teorico che l’aspetto pratico della gestione di un blog professionale. Si tratta di un ebook di 56 pagine in cui condivido step by step i passi che mi hanno portato da 0 a 130 mila visite sul mio primo blog dedicato alla Calabria, a guadagnare 3.000 € grazie alla vendita del mio libro e a posizionare in meno di un anno più di 600 parole chiave per Calabria nell’Anima.

Ciao!

Ciao!

Mi chiamo Luigina, mi divido a metà tra la passione per la SEO e l’amore per la mia Calabria. Aiuto freelance, libere professioniste e imprenditrici ad essere più visibili su Google e a farsi trovare online dai clienti ideali, riconquistando un po’ di libertà dai social media. Nella pratica creo e riprogetto siti web posizionandoli sulla prima pagina dei motori di ricerca e mi occupo di formazione. Conosciamoci meglio.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri articoli che potresti leggere